Fauna

Nel territorio del SIC “Giara di Gesturi” sono presenti numerose specie faunistiche di rilevanza internazionale e protette dalle Direttive Comunitarie “Habitat” (92/43/CEE) e “Uccelli” (2009/147/CE).

Le specie di vertebrati sono oltre un centinaio. Il 16% delle specie avifaunistiche sono elencate nell’Allegato I della Direttiva Uccelli, e quindi meritevoli di particolari attenzioni conservazionistiche. Tra queste, si segnala la presenza dell’Astore sardo (Accipiter gentilis arrigonii) in particolare nelle formazioni di macchia foresta a Quercus ilex e Quercus suber e nelle formazioni di conifere; del Falco di palude, del Cavaliere d’Italia, dell’Albanella reale, del Combattente, del Piviere dorato, del Piro-piro boschereccio (Circus aeruginosus, Himantopus himantopus, Circus cyaneus, Philomachus pugnax, Pluvialis apricaria, Tringa glareola), preferibilmente, negli ambienti umidi (paùli); del Falco pellegrino (Falco peregrinus) nelle aree con vegetazione rada ed in prossimità delle zone umide; della Pernice sarda (Alectoris barbara) nei territori agricoli, tra la macchia mediterranea, nelle garighe o nelle zone a ricolonizzazione naturale e artificiale; della Cicogna bianca (Ciconia ciconia), in particolare, nelle colture temporanee associate ad altre colture permanenti, tra le aree a pascolo naturale e nelle zone umide; della Magnanina e della Magnanina sarda (Sylvia undata e Sylvia sarda) nella macchia mediterranea, nella gariga e, della prima, anche nelle aree a ricolonizzazione naturale e artificiale.

Le specie di anfibi segnalate sono 3, tra le quali merita particolare attenzione il Discoglosso sardo (Discoglossus sardus - Allegati II e IV della Direttiva Habitat), riscontrabile, in particolare, nei territori agricoli, nei boschi di latifoglie e nelle paludi interne.

Si rileva la presenza di 5 specie di rettili distribuite in maniera omogenea nel territorio, in particolare nelle zone agricole, nelle aree a macchia, nelle garighe e nelle aree con vegetazione rada. Tra le altre, si segnala il Tarantolino (Euleptes europaea), inserito negli Allegati II e IV della Direttiva Habitat.

Le specie di mammiferi segnalate sono 2: l’endemico Quercino sardo (Eliomys quercinus sardus, Barrett-Hamilton, 1901), agile roditore che si nutre principalmente di insetti e uova, che colonizza i boschi e le boscaglie arbustive alte fino ad una altitudine di 2000 metri, ed il chirottero Pipistrello albolimato (Pipistrellus kuhlii, Kuhl, 1817), un piccolo chirottero dalla pelliccia brunastra che predilige gli interstizi di edifici e costruzioni. E’ un chirottero ad ampia distribuzione che in Europa è diffuso in tutto il bacino del Mediterraneo, e che con le sue sottospecie può spingersi fino all’Asia minore.

Tra gli Invertebrati, si segnala la presenza, nelle grandi e vecchie querce, del Cerambice della quercia (Cerambyx cerdo - Allegati II e IV della Direttiva Habitat), il quale può tuttavia danneggiare la struttura degli elementi arborei a causa delle sue attitudini parassitarie.

Sono di seguito riportate le specie inserite nelle Direttive Comunitarie (“Habitat” e “Uccelli”), divise per tipologia.

Uccelli inseriti nell’Allegato I della “Direttiva Uccelli”

Albanella reale, Circus cyaneus, Linnaeus, 1766

Astore di Sardegna e Corsica, Accipiter gentilis arrigonii, Kleinschmidt, 1903

Averla piccola, Lanius collurio, Linnaeus, 1758

Calandro, Anthus campestris, Linnaeus, 1758

Cavaliere d’Italia, Himantopus himantopus, Linnaeus, 1758

Cicogna bianca, Ciconia ciconia, Linnaeus, 1758

Combattente, Phylomachus pugnax, Linnaeus, 1758

Falco di palude, Circus aeruginosus, Linnaeus, 1758

Falco pellegrino, Falco peregrinus, Tunstall, 1771

Magnanina, Sylvia undata, Boddaert, 1783

Magnanina sarda, Sylvia sarda, Temminck, 1820

Pernice sarda, Alectoris barbara, Bonnaterre, 1792

Piro-piro boschereccio, Tringa glareola, Linnaeus, 1758

Piviere dorato, Pluvialis apricaria, Linnaeus, 1758

Succiacapre, Caprimulgus europaeus, Linnaeus, 1758

Tottavilla, Lullula arborea, Linnaeus, 1758

 

Fauna inserita nell’Allegato II della “Direttiva Habitat”

Cerambice della quercia, Cerambyx cerdo, Linnaeus, 1758

Discoglosso sardo, Discoglossus sardus, Tschudi, 1837

Tarantolino, Euleptes europaea, Gené, 1839

 

Si segnala inoltre la presenza di due specie che ricoprono un importante ruolo ecologico: la Lucertola tirrenica (Podarcis tiliguerta, Gmelin, 1789), squamato endemico di Sardegna e Corsica, inserito nell’Allegato IV della Direttiva Habitat ed il Cavallino della Giara (Equus caballus, Linnaeus, 1758 ssp. giarae) sottospecie endemica della Sardegna.

Questa sottospecie ha trovato nella Giara una forma di isolamento dettata dalla conformazione geomorfologica dell’altopiano. Si tratta dell’ultima colonia europea di cavallo allo stato selvatico. Il suo aspetto caratteristico, con una conformazione robusta e gli arti corti e l’abitudine a cercare refrigerio nei paùli, lo pongono come simbolo della Giara.

Ed infine, si segnala il Lepidurus (Lepidurus apus lubbocki Brauer, 1873), specie arcaica di crostaceo, immutato da 200 milioni di anni, trova il suo habitat ideale sul fondo fangoso dei paùli.

Nome scientifico: Eliomys quercinus sardus, Barrett-Hamilton, 1901

Nome scientifico: Accipiter gentilis arrigonii, Kleinschmidt, 1903

Nome scientifico: Caprimulgus europaeus, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Cerambyx cerdo, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Alectoris barbara, Bonnaterre, 1792

Nome scientifico: Anthus campestris, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Ciconia ciconia, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Circus aeruginosus, Linnaeus, 1758

Lepidurus (Lepidurus apus lubbocki, Brauer, 1873)

Nome scientifico: Circus cyaneus, Linnaeus, 1766

Nome scientifico: Discoglossus sardus, Tschudi, 1837

Nome scientifico: Euleptes europaea, Gené, 1839

Nome scientifico: Himantopus himantopus, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Falco peregrinus, Tunstall, 1771

Nome scientifico: Lanius collurio, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Tringa glareola, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Sylvia undata, Boddaert, 1783

Nome scientifico: Podarcis tiliguerta, Gmelin, 1789

Nome scientifico: Lullula arborea, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Pluvialis apricaria, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Philomachus pugnax, Linnaeus, 1758

Nome scientifico: Sylvia sarda, Temminck, 1820

Nome scientifico: Pipistrellus kuhlii, Kuhl, 1817

Nome scientifico: Equus caballus giarae Linnaeus, 1758

Pagine correlate