Home

Gli speciali

I Cavallini

I cavallini della Giara (Equus caballus giarae), presenti da tempo immemorabile tra le sugherete e i paùli dell’altopiano, possono essere considerati una delle presenze faunistiche di maggiore interesse dell’intero territorio della Marmilla, e ne rappresentano senz’altro il simbolo vivente.


>>
Il Lepidurus

I paùli ospitano, tra le altre, due specie arcaiche di crostacei, il Lepidurus apus lubbocki Brauere e il Triops cancriformis Schaff, immutati da 200 milioni di anni.


>>
Sugherete e sughero

La quercia da sughero (Quercus suber ) vegeta naturalmente solo nella parte occidentale del Mediterraneo. Trova un ambiente ideale alla propria crescita in Portogallo, Spagna, Francia, Tunisia, Algeria, Marocco, oltre che sulla gran parte delle coste tirreniche italiane e in particolare in Sardegna, che può essere considerata il centro geografico della sua diffusione.


>>
I Paùli

I paùli sono lievi depressioni del terreno nelle quali l’acqua piovana si raccoglie e si conserva per gran parte dell’anno; i principali sono circa una trentina e occupano una superficie di 120 ettari, pari a circa il 2 percento dell’intero territorio della Giara.


>>
Microgiara

Microgiara "... un'occasione per diventare piccoli piccoli e scambiare una formica per una coppia di amarene, un muschio per un'alta parete rocciosa e scoprire che, talvolta, il ronzio di un coleottero o lo strisciare di una lucertola, può essere più forte di un nitrito...."


>>
La Giara in 3 minuti

Molti luoghi si presentano oggi, nel territorio del SIC della Giara di Gesturi, come riserva di una natura altrove ormai scomparsa. Si distingue tra questi stessi luoghi, così come svetta nella pianura che l’accoglie, l’altopiano della Giara, con le sugherete e le leccete fitte ...


>>

In evidenza

In evidenza

Microgiara
Microgiara

Microgiara "... un'occasione per diventare piccoli piccoli e scambiare una formica per una coppia di amarene, un muschio per un'alta parete rocciosa e scoprire che, talvolta, il ronzio di un coleottero o lo strisciare di una lucertola, può essere più forte di un nitrito...."


Leggi tutto
La Giara in 3 minuti
La Giara in 3 minuti

Molti luoghi si presentano oggi, nel territorio del SIC della Giara di Gesturi, come riserva di una natura altrove ormai scomparsa. Si distingue tra questi stessi luoghi, così come svetta nella pianura che l’accoglie, l’altopiano della Giara, con le sugherete e le leccete fitte ...


Leggi tutto
Sito di Importanza Comunitaria
Piano di Gestione del SIC "Giara di Gesturi"

Gli 11 Comuni nei quali ricade il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) “Giara di Gesturi”, grazie a un finanziamento a valere sul Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013, Misura 323, Azione 1 Sottoazione 1, sono impegnati nell’aggiornamento del Piano di Gestione ...


Leggi tutto
Territorio
I Paesi

I centri urbani dei comuni afferenti al territorio del SIC “Giara di Gesturi” – Albagiara, Assolo, Genoni, Genuri, Gesturi, Gonnosnò, Nuragus, Nureci, Setzu, Sini, Tuili – sorgono nella regione storica della Marmilla, in una vasta area nella quale le basse colline si alternano ad ampie zone pianeggianti ...


Leggi tutto

Media Gallery

La Giara

Vasto altopiano quasi orizzontale formato da un antico espandimento vulcanico di lava basaltica, attualmente dominante rispetto al territorio circostante, noto attualmente in Sardegna con il nome di Giara di Gesturi. L’antico toponimo Sa Giara Manna (la Giara grande) richiama il fatto che questo altopiano sia in effetti il maggiore di altri rilievi di natura analoga, sempre presenti nel contesto della Sardegna centro meridionale, ai quali, nell’uso locale, è appunto attribuito il nome di Giare ...

Visita la Giara

Strade e itinerari

Gli itinerari urbani sono percorsi pedonali o ciclo/pedonali che si sviluppano all’interno dei centri abitati o nelle immediate vicinanze.

I percorsi si snodano a partire dal centro urbano e collegano tra loro i beni archeologici, storico-culturali, museali ed ambientali in ognuno degli undici paesi. Lungo le strade dei centri storici, è facile riconoscere la tradizionale struttura abitativa delle case contadine, che si sviluppano intorno al cortile ("lollas") chiuso da un imponente portale, spesso ancora ben conservato.