Acque

Tra gli elementi idrici  di maggiore interesse dell’altopiano sono i paùlis, leggere depressioni del terreno nelle quali d’inverno si raccoglie l’acqua piovana. Li si trova soprattutto in vicinanza dei due rilievi d’origine vulcanica che interrompono la natura pianeggiante della Giara. Hanno per lo più estensione modesta e vita breve; non di rado, tuttavia, mostrano dimensioni considerevoli e conservano le proprie acque per l’intera durata dell’anno (è il caso dei due Pauli Maiori di Tuili e Genoni).

La loro distribuzione nel grande tavolato contribuisce a definire un biotopo essenziale per la vita di numerose specie vegetali e animali e, per questo, sono considerati dalla Unione Europea “habitat di interesse comunitario”. Alla presenza dell’acqua è legata la rilevanza, sotto il profilo naturalistico, di alcune emergenze sparse nel territorio del SIC: sono assai numerose le sorgenti, le più importanti delle quali sgorgano sotto il ciglio roccioso della Giara. Solo nel territorio di Assolo meritano menzione quelle di Funtana Carusa, Mitza Cabirada, Mitza Masoni, Sinnigas, Mitza su Truncu, Mitza Masoni Crabaxius, e Sa Stiddiosa, conosciuta per la qualità delle sue acque.

Approfondimenti

Nel territorio comunale di Tuili, ai margini del Pauli Majore, si trova la sorgente denominata S

Ubicato in prossimità di Monte Zepparedda, circondato da numerosi altri paùli minori e da boschi di querce da su

Ai piedi della Giara di Gesturi, nel territorio comunale di Sini, si trova il Parco Comunale di Cracchera

I cavallini della Giara (Equus caballus giarae), presenti da tempo immemorabile tra le sugherete e i paùli dell’al

Pagine correlate