Geositi

La Giara rientra appieno nella definizione proposta da W.A. Wimbledon (1995) secondo cui “un geosito può essere definito come località, area o territorio in cui è possibile individuare un interesse geologico o geomorfologico per la conservazione”. Ed infatti, il database dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) classifica l’area come raro geosito di interesse scientifico primario per quanto attiene geomorfologia, paleontologia e vulcanologia. Primario è anche l’interesse contestuale didattico e naturalistico.

Ma il territorio della Giara è esso stesso un contenitore di geositi di interesse scientifico e/o naturalistico come i centri di emissione di Zeppara Manna e Sa Zepparedda relitti dei coni vulcanici da cui sono fuoriuscite le lave che hanno originato il tabulato basaltico o le cascate di Su Strumpu, la miriade di paùli diffusi nell’area e le numerose sorgenti, presenti soprattutto al contatto tra la coltre lavica ed il basamento miocenico.

Nella zona sono inoltre presenti il Geopaleosito di Duidduru (Genoni) e l’area di Genna Manna Muru 'e Cubeddu (Nureci) che custodiscono la storia geologica del territorio e degli esseri viventi che lo hanno popolato: le rocce ed i fossili presenti testimoniano la presenza, milioni di anni fa come oggi, di un ambiente popolato da una grande varietà di specie.

Meritano una citazione particolare il “Banco a Turritelle” di Genna Manna, così chiamato da La Marmora, e la faglia di Duidduru testimone dei movimenti tettonici che hanno interessato l’area.

Approfondimenti

Nelle rocce di questo sito, già frequentato alla fine dell’Ottocento dai cercatori di fossili, è custodita la storia geol

Il Paleo Archeo Centro di Genoni custodisce importanti testimonianze dell’evoluzione de

Le maggior parte delle lave basaltiche che hanno dato origine alla Giara di Gesturi, sono fuoriuscite dal cono vulcanico

Il patrimonio geologico e paleontologico del territorio comunale di Nureci riveste, in virtù della sua importanza a livel

Pagine correlate