Nuraghe Nieddu

Nei pressi di Scala Pomposa, nel territorio di Gonnosnò, su uno sperone di basalto che sporge dall’altipiano per circa 30 metri, è situato il nuraghe Nieddu, il quale, proprio grazie alla sua posizione, costituiva un poderoso sistema di difesa utile all’avvistamento di qualsiasi pericolo.

La torre del nuraghe, dal diametro di 11 metri, conservata per una altezza di circa 4 metri, presenta pareti inclinate con struttura poliedrica, formate da massi in basalto irregolare accuratamente disposti. Al contrario della cella, che non può più essere distinta, risulta ben conservato un tratto di circa 8 metri del contrafforte che va a connettersi col robusto fianco del nuraghe orientato verso il pianoro. Il contrafforte, costruito con enormi massi, ha una spessore pari a circa un metro e andava a formare uno sbarramento in corrispondenza dell’ingresso. Attraverso il contrafforte, in prossimità della torre, è presente una piccola porta, alta 1,3 m e larga 1,8 m, sovrastata da un imponente architrave e disposta in modo che chi entrava, attraversando l’angustia del passaggio, fosse obbligato a opporre il fianco destro alla fronte del nuraghe.